COLORARE IN QUOTA IN SICUREZZA

Spesso e volentieri le attrezzature a noleggio GV3 sono richieste da ditte di imbianchini, pittori e artisti. Perché? Semplicemente perché si ha un piano di lavoro mobile ed elevabile sicuro. L’artigiano non deve quindi più spostarsi con barattoli di vernici e armamentario vario ma, movimentando la navicella, riesce a raggiungere agevolmente la superficie da trattare in quota in sicurezza.

Convenzionalmente, chi dipinge utilizza scale tradizionali, rampe o trabattelli, ne parlammo anche nell’articolo PITTURE E DIPINTURE SENZA LIMITI D’ALTEZZA. Qui ci concentrammo nell’accennare più aspetti, raccontare più concetti cardine del noleggio professionale: ad esempio evidenziare e sensibilizzare circa l’importanza dell’adozione regolare dei DPI obbligatori per legge, in particolar modo l’imbracatura.

piattaforma-area-semovente-piazzale-gv3-venpa-noleggio-formazione-sicurezza-imbracatura-in-quota

In quota in sicurezza

Ogni condizione di lavoro esige attente valutazioni che sono demandate alle figure professionali competenti in cantiere e in azienda, quindi i datori di lavoro, i capo cantiere o chi comunque rivesta il ruolo di RSPP (acronimo di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione).

Colorare in quota in sicurezza è possibile, se si rispettano le regole: non stiamo parlando solo di buone pratiche, di attenzioni suggerite ma opinabili, bensì di vere e proprie regole, che quindi vanno adottate e rispettate, seguendo le indicazioni pari passo.

L’imbracatura non è l’unico dispositivo di protezione individuale obbligatorio in via esclusiva quando si lavora in quota: il suo utilizzo però non è mai opzionale, ma sempre obbligatorio (allegato VI del D.Lgs. 81/2008 al punto 4.1: “Sui ponti sviluppabili e simili gli operai addetti devono fare uso di idonea cintura di sicurezza”). L’imbragatura o imbrago o cintura di sicurezza è quindi indubbiamente il DPI per antonomasia di chi lavora in quota a bordo di piattaforme aeree.

L’imbracatura

Se la politica di sensibilizzazione sulla sicurezza in cantiere ha portato negli anni a valorizzare e optare sempre più per l’impiego di piattaforme aereein alternativa a scale ad angolo e ponteggi, è ancora necessario insistere nel parlare anche dell’annesso utilizzo di imbracature e linee vita.

piattaforma-area-semovente-piazzale-gv3-venpa-noleggio-formazione-sicurezza-imbracatura-in-quota-focus

I parapetti della cesta o navicella, ancorata all’estremità della piattaforma aerea, avvolgono e proteggono l’operatore da accidentali cadute, ma non sono sufficienti. Infatti è l’imbracatura – opportunamente agganciata al cestello – che garantisce di lavorare protetti, di evitare quindi dalle cadute dall’alto accidentali, in genere conseguite per un’eccessiva esposizione, un eccessivo sporgersi oltre il parapetto o da uno sbilanciamento dell’operatore.

L’imbracatura di sicurezza è un’attrezzatura di protezione individuale (PBM), composta dalle seguenti parti:

  • l’imbracatura completa e integra;
  • i connettori (che collegano l’imbracatura con il dispositivo di ancoraggio);
  • i dispositivi di ancoraggio (la connessione tra il connettore e il sistema di sgancio).

Se uno di questi tre anelli sopra menzionati non c’è o non è a norma e integro, la sicurezza non è più garantita.

La superficialità in cantiere non è ammessa.

piattaforma-area-semovente-piazzale-gv3-venpa-noleggio-formazione-sicurezza-imbracatura-in-quota-navicella-cesta

Un’imbracatura di sicurezza per piattaforma aerea consente libertà di manovra e contestualmente protegge in caso di caduta, ma è solo il primo anello del processo di protezione. Inoltre, anche la maniera in cui indossi l’imbracatura incide.

Altro aspetto su cui ci teniamo a porre l’attenzione, sempre nell’ottica di lavorare in quota in sicurezza, sono le manovre…

Le manovre

… ma questo aspetto non può essere trattato in un solo paragrafo, richiede un capitolo e quindi una news dedicata: ne parleremo a breve nel blog!

Nel frattempo, ricordati che se devi manovrare un mezzo da cantiere devi:

  • essere abilitato alla conduzione dello stesso;
  • devi consultare e fare riferimento sempre al manuale d’uso e manutenzione di quello specifico mezzo;
  • devi essere istruito all’utilizzo: ogni piattaforma ha una sua propria centralina di comando che può differire in parte o in toto da quelle della concorrenza e ogni piattaforma ha dimensioni differenti e caratteristiche e funzionalità peculiari… devi quindi essere sicuro di saperla condurre e utilizzare!

Noleggio-a-caldo-con-operatore-piattaforma-sottoponte-autocarrata-150-LTS-noleggio-gv3-venpa-2

Inoltre l’area di manovra può essere ampia come esigua, il suolo può essere compatto come cedevole a causa di abbondanti piogge o altre condizioni atmosferiche o idrogeologiche… nulla va lasciato al caso.

Ne parleremo prossimamente: intanto puoi affidarti ai nostri consulenti e tecnici di noleggio, per dissipare le tue incertezze.

E se non disponi di un certificato di abilitazione? Puoi sempre rivolgerti a noi qui.
Devi lavorare in emergenza, non hai tempo di formarti? Possiamo valutare assieme l’opzione di NOLEGGIO A CALDO.

Se rispetti le regole e colori in quota in sicurezza – come Tony Gallo, uno dei writer italiani che ha scelto di dipingere in quota con macchine a noleggio GV3 – il successo è garantito: com’è accaduto a Padova questo fine settembre (video) e lo scorso anno (video), grazie a una fornitura speciale #fullcolor. Per saperne di più sul progetto #fullcolor, consulta il link del sito dedicato.

Altri articoli su piattaforme e pitture, in quota e in sicurezza

Se desideri leggere ulteriori articoli del blog OnAir pertinenti l’argomento, puoi dare un’occhiata a questi link che ti suggeriamo:

Inoltre, si ricorda sempre che…

Scegli GV3 Venpa, scegli il servizio di noleggio italiano.
Quello originale, quello autentico.

www.gv3.it

Lascia un commento